EQUAL OPPORTUNITIES IN USA?

Quale democrazia?

di Rivo Cortonesi La democrazia, quale sistema di partecipazione alla vita e alle scelte di una comunità, nasce dall’esigenza di dare una risposta non violenta alle tensioni e alle divergenze di opinione che possano manifestarsi tra i cittadini. Ma è proprio cosi?...

Lo stato di eversione permanente

di Alfredo Morosetti Molti credo si stiano domandando cosa sta accadendo, non qui o là, ossia fra Nocera Superiore e Nocera Inferiore, non adesso prima o poi, ma da ormai in modo continuo da tre secoli e in tutto il mondo politico e sociale soggetto al pensiero...

100 anni di comunismo: sia maledetto

Sia maledetto il comunismo: la più aberrante macchina di atrocità mai congegnata di Alan Charles Kors, traduzione di Cristian Merlo L’Olocausto comunista avrebbe dovuto generare una fioritura nell’arte occidentale, e un’esplosione di testimonianze e di coinvolgimento...

Una guerra privata (del diritto)

di Paolo Bardicchia Nella Storia non era mai avvenuto quello che stiamo vedendo in queste ore.Compagnie private che combattono una guerra palese senza il mandato di uno Stato, ed anzi contro il Capo del loro stesso Stato.Quella di Facebook, Twitter e Google contro...

Piccola storia del PCI

di Fabio Massimo Nicosia Mentre l'intellighenzia discute di come si possa celebrare la giornata dell'abbraccio rispettando il distanziamento asociale (spoiler, da dietro), continua l'invasione dei metacorpi comunisti che festeggiano il 1921.Terracini disse che aveva...

Non c’è democrazia senza limiti al potere politico

di Pietro Agriesti Quanto accaduto in questi mesi, e quanto ancora si ripete in questi giorni con l’imposizione del nuovo lockdown e il balletto dei colori che cambiano ogni giorno, ha avuto almeno un pregio, se vogliamo dire così. Ha dato ragione ai libertari, nella...

Controcanto

La mia posizione sugli eventi Americani è semplice, non demonizza l'amministrazione Trump, valutata nel suo complesso per quello che ha fatto tra le migliori delle ultime decadi e non considero la protesta degli americani del 6 gennaio un atto di eversione, al...

Il bilancio di un’amministrazione

Alla fine dei quattro anni di Trump, compresi i fuochi d'artificio finali (che a me sono pure piaciuti), che dire? Quale bilancio trarre? Sempre ricordando che sono un osservatore straniero, non un elettore o un politico direttamente interessato, posso dire...

Mi pare che sia andata così

Facciamo il riassunto di quel che è successo e che diventerà una pagina di storia. Una parte politica americana, il partito democratico, aizza gruppi organizzati a commettere atti di violenza sul territorio americano circa sei mesi prima delle elezioni presidenziali....

Donald Trump

Parrebbe impossibile parlare equilibratamente di Donald Trump durante la tempesta e a pochi giorni dall’uscita di scena come presidente degli Stati Uniti.Ma c’è un metodo che soccorre sempre, quello del poeta Riley quando scrisse: quando vedo un uccello che cammina...

Social juice

Non credo ci siano più i tempi per una rivoluzione culturale liberale. Oggi la cosa più auspicabile è un movimento popolare populista antisistema gestito da autentici liberali che combattano fino...

read more

Spesso i critici della scuola austriaca lamentano il fatto che in essa non si faccia ricerca. Questa gente non sa che quelli che c'hanno provato seriamente sono stati ricattati e intimiditi. Invece...

read more
Ma Facebook è un privato?

Ma Facebook è un privato?

Tutti (aka tutta la mia bolla di Facebook) a chiedersi, in seguito alle ultime vicende, ma Facebook è un privato? E c’è chi dice no, e c’è chi dice si. Ma in realtà entrambe queste risposte sono una forzatura, fatta per far tornare un discorso a prescindere. Facebook è un ibrido. Come ha scritto Fabristol è indisputabile che i social e le Big Tech collaborino con lo Stato nel sostenere la sua propaganda e nel fornire i dati degli utenti: "La NSA ha accesso a tutti i dati dei social media provider grazie a PRISM, un programma di sorveglianza voluto da Bush, un programma di spionaggio globale che registra qualsiasi conversazione che avviene su internet. Questo programma fu poi riconfermato da Obama nel 2012. Fu grazie a Edward Snowden che sappiamo di PRISM ed e’ il motivo per cui ora vive in Russia in esilio. Le compagnie, volenti o nolenti, sono quindi obbligate a dare accesso dei vostri dati al governo federale. Quindi il governo ha accesso completo a tutto quello che postate e può...

read more

Editoriale

Quale democrazia?

Quale democrazia?

di Rivo Cortonesi La democrazia, quale sistema di partecipazione alla vita e alle scelte di una comunità, nasce dall’esigenza di dare una risposta non violenta alle tensioni e alle divergenze di opinione che possano manifestarsi tra i cittadini. Ma è proprio cosi? Davvero la violenza è assente in una democrazia? No, non è così. La violenza c’è. È quella che una maggioranza di cittadini esercita su una minoranza, che ne subisce decisioni non condivise. A stemperarla c’è solo la consapevolezza, da parte della minoranza, che se fosse stata maggioranza la stessa cosa sarebbe accaduta alla controparte. Perché così funziona la democrazia: comandano i più a scapito dei meno. È indubbiamente un sistema che potremmo definire “brutale” perché risolve in modo assolutamente sbrigativo il problema di individuare le soluzioni migliori a beneficio della comunità. È migliore ciò che ha più consensi. E siccome il consenso è spesso condizionato dal proprio tornaconto si capisce perché la democrazia sia ben lontana dall’essere il miglior strumento inventato dagli uomini per assicurarne la convivenza pacifica. A differenza della scienza, nel cui ambito ciò che è migliore emerge continuamente dalla riproducibilità di fenomeni empirici, magari nuovi, utili alla vita di tutti i giorni, niente di tutto questo è emerso dalla democrazia. Ne deriva che ai progressi scientifici e tecnologici non hanno fatto riscontro paralleli progressi nella qualità della convivenza civile. Sono lì a dimostrarlo tutte le baruffe, la litigiosità, le tensioni e le difficoltà economiche con cui continuiamo ad essere ogni giorno confrontati. Eppure i princìpi chiave a cui riferirsi per una convivenza pacifica sono stati già da tempo comunicati all’umanità direttamente da Dio medesimo attraverso il Decalogo, che contiene un elenco conciso, ma esaustivo, di ciò che “non si deve fare” e da suo figlio Gesù, che ha completato il Decalogo con ciò che “si deve fare”: la pratica assidua della carità. Molti secoli più...

read more

Mooresville North Carolina

Mooresville e' una cittadina 27 miglia a Nord di Charlotte in Nord Carolina.Charlotte e' la "capitale finanziaria" dello stato mentre la capitale politica e' Raleigh.Lo stato e' tra il South Carolina, a Sud ( 🙂 ), e la Virginia a Nord, ad Est si affaccia...

Il necessario ritorno alla vecchia normalità

Così come l'OMS è costretta a riconoscere che l'affidabilità dei tamponi è così scarsa che essi non dovrebbero essere più usati per determinare le politiche di contenimento del contagio, sempre più microbiologi si vanno convincendo, studi alla mano, che la velocità di...

A Facebook si applichi il diritto dei contratti

L'anarco-capitalista scopre che Fb non è poi davvero un vero privato, ma è un "ibrido", dato che deve cedere i dati alla NSA, però, cazzo, gli utenti li trova nel mercato.Non mi sembra un grande complimento dargli dell'infiltrato nel mercato, dopo avergli dato del...

Bitcoin e criptovalute

Devo complimentarmi pubblicamente con Marco Camisani Calzolari che per la seconda volta, a Striscia la Notizia, si è occupato di bitcoin e criptovalute in generale, perché anche questa volta si è espresso correttamente praticamente su tutto (ecco il link per chi...

Addio Donaldo (e poi basta)

Il dato simbolico, che chiude l'Epoca, sta in Faust che chiede a Mefistofele di ridargli la rete. Ma il patto di sangue va onorato. La rete gli ha dato la vita e ora gliel'ha tolta.Ovvio che c'è una battaglia, mortale anche, per il potere. Sta di fatto che Donald...

Perchè Greta Thunberg non sarebbe contenta del paragone con Anna Frank

Il sindaco di Milano ha detto che Greta Thunberg è come Anna Frank. A tutti quelli che hanno pensato "purtroppo no" io dico: non scadiamo nel facile black humor, piuttosto smontiamo questo paragone con i dati e i numeri.Innanzitutto, non penso che Greta sarebbe molto...

..che al mercato suo padre comprò

Scusate,io non sto seguendo molto...ma quindi Fontana fa ricorso (per dati presentati da Fontana), contro Gallera che attribuisce la responsabilità alla Moratti che chiama in causa l'usciere della regione che ha consegnato la busta sbagliata al corriere che andò a...

La sanità campana

La sanità campana è così efficiente da vaccinare più gente delle dosi di vaccino ricevute. Ma non penso che Bill Gates sia proprio felicissimo, per me ha chiamato Biden per includere la Campania nella lista dei paesi in cui esportare la democrazia... Ma andiamo un po'...

Dignità e libertà

Premetto che una donna intelligente sa farsi rispettare, qualunque sia la sua posizione e il suo ruolo. Tira dritto per la sua strada e non si fa condizionare nè tantomeno scalfire dal giudizio degli altri. Incenso o infamia non ledono la donna libera e convinta della...

Un paio di dritte

Cari amici un paio di dritte per chi non le sapesse. Esistono due fonti che non si conformano alla narrazione liberal socialista che imperversa sui social e sui media di regime, oltre naturalmente al foglio di Leonardo Facco "Miglioverde". La prima è il canale Rumble...

Topi in libera uscita

Enrico Letta dice che non torneremo alla società del 2019. Lo dice a Propaganda Live una trasmissione della TV generalista, che ormai parla una sola lingua, quella dell'ideologia progressista, l'unica lecita. Lo dice come fosse una cosa normale. Come se un meteorite ci avesse colpito e avesse spianato il mondo civilizzato. Il mondo di prima non c'è più. Il meteorite ha spazzato 4/5 dell'umanità. Ma in questo caso il meteorite non c'è. Cosa c'è? Non si sa cosa c'è. O meglio secondo l'unica storia raccontata c'è una malattia terribile che colpisce tantissimi italiani, che però nell'85% dei...

read more

Storie di ignoranza economica: i deflazionisti

Ebbene sì, nonostante la monumentale stampa di denaro vista sinora e la percezione da parte degli individui riguardo le spese giornaliere, ci sono opinionisti e giornali che parlano di deflazione. Non importa anche se l'indice dei prezzi al consumo non ha visto una discesa negli ultimi 25 anni (ma anche di più), no, ciò che conta è una variazione mensile che viene rappresentata come un modello per l'intera società. I deflazionisti non comprendono questi fatti cruciali: La BCE ha il pieno controllo su M1 (es. IOER); La BCE ha scelto di imitare gli USA post-Lehman, i quali hanno imitato il Giappone post-1990; Gli USA non hanno avuto un anno, sin dal 1955, in cui i prezzi al consumo sono scesi generalmente e sistematicamente (stesso discorso per il Giappone, nessuna deflazione dei prezzi sistematica e cumulativa); L'esperienza della Grande Depressione ebbe luogo perché vennero lasciate fallire oltre 9.000 piccole/medie banche; Lo zio Sam approvò il FDIC nel 1934; Non esiste una exit strategy credibile per permettere un abbandono del QE. I deflazionisti sostengono che la BCE non sia in grado di fermare la deflazione dei prezzi. Questa è una tesi totalmente assurda. Ha seguito le...

read more

17 – L’abuso della ragione

da “L’ordine senza piano” di Lorenzo Infantino, 2011, pagine 17-18 Molte istituzioni sociali sono cioè nate inintenzionalmente, senza la progettazione di alcuno. E tuttavia l’avanzata della modernità si è sovente accompagnata a una presunzione di onnipotenza. Si è...

16 – Sull’inflazione monetaria

da "L'Azione Umana" di Ludwig von Mises, 1949 (pag. 515) L'economia non raccomanda politiche inflazionistiche o deflazionistiche. Essa non sollecita i governi a immischiarsi nella scelta che il mercato fa di un mezzo di scambio. Accerta soltanto alcune verità: 1) con...

15 – Teleologia e causalità

Da “L’Azione Umana” di Ludwig von Mises, 1949, pag. 71 L'uomo dispone di soli due principi per afferrare mentalmente la realtà: quello della teleologia e quello della causalità. Quanto non può essere ricondotto all'una o all'altra di queste categorie è assolutamente...

14 – Perchè un liberale non è un conservatore

da “Perché non sono un conservatore”, di Friedrich von Hayek, 1997, Ideazione, pagine 32-39 Prima di considerare i punti principali per cui l’atteggiamento liberale è in netta opposizione con quello conservatore, sarà bene mettere in rilievo che il liberale può aver...

13 – Politici e imprenditori

da "L'azione Umana", di Ludwig von Mises, 1949 (pagine 322-323) Il governo è un apparato di coercizione e costrizione. Esso ha il potere di ottenere obbedienza con la forza. Il sovrano politico, sia esso un autocrate o il popolo rappresentato dai suoi mandatari, è in...

Alla ricerca di una strategia libertaria per il cambiamento sociale – di Hans Hermann Hoppe

Affrontare uno scritto di Hans Hermann Hoppe provoca normalmente una reazione di disagio che si supera andando oltre la superficie e approfondendo la filosofia libertaria. Una filosofia che ha una solida e coerente base teorica, che prende atto della scarsità delle...

Il libertarismo pragmatico (e estremo) di Hans Hermann Hoppe

Le osservazioni qui contenute prendono spunto dall’articolo di Giovanni Birindelli “La deriva antiscientifica di H. H. Hoppe" (qui) scritto a commento di un recente discorso del filosofo tedesco, di cui si può trovare una traduzione al seguente link. Devo dire che...

12 – Profitto e morale

da "L'Azione Umana", di Ludwig von Mises, 1949, pagina 349 La critica rivolta al profitto dai moralisti e dai predicatori non colpisce il segno. Se i consumatori - la gente, l'uomo comune - preferiscono i liquori alle bibbie e le storie polizieschi ai libri seri e se...

La lotta di classe al tempo del Covid

Appare sempre più evidente che la pandemia economica, a sua volta innescata dalla folle gestione statale della pandemia sanitaria, sta portando alla ribalta, sotto una nuova luce, concetti e categorie che siamo abituati a ricondurre a un determinato periodo storico, e...

11 – La forza motrice del mercato

da "L'Azione Umana" di Ludwig von Mises, 1949, pag. 376 La forza motrice del processo di mercato non è data dai consumatori, né dai possessori dei mezzi di produzione - terra, beni capitali e lavoro -, ma dagli imprenditori che promuovono e speculano. Sono individui...

I libri consigliati da Tramedoro

Politica

Anatomia di un vaccino

Si sta consolidando la convinzione che il no-vax sia un fenomeno di una società oscurantista che ripudia il primato della scienza. È possibile che una società con un basso livello culturale (come la nostra), che non attribuisce alla scienza il giusto valore possa esasperare questo fenomeno, tuttavia la scelta tra il vaccinarsi o meno non può che essere individuale e come tale vedrà sempre una...

read more

Eventi

“Signor Ministro mi consenta alcune domande. Lei è al corrente delle gravi accuse che le sono state mosse riguardo ai fondi sottratti alle mense degli orfani? Si parla di duecento miliardi." "Certo, certo che ne sono al corrente." "Ecco, e non crede che sarebbe...

Un giorno chiesero al grande matematico persiano Al-Khawarizmi sul valore dell’essere umano, così rispose: “Se ha Etica, allora il suo valore è 1. Se in più è intelligente, aggiungete uno zero e il suo valore sarà 10. Se è ricco, aggiungete un altro zero e il suo...

« Senza un’informazione basata sui fatti e non manipolata, la libertà d’opinione diventa una beffa crudele. » Hannah Arendt, “Verità e politica”. Professor Xby Professor X facebook pageTi piace leggere? Ti interessi di filosofia? Il Professore ti da il benvenuto nella...

I sentimenti si apprendono. Gli antichi imparavano i sentimenti attraverso le storie mitologiche. Se guardiamo alla storia greca ci ritroviamo tutta la gamma dei sentimenti possibili, Zeus il potere, Afrodite l’amore, Atena l’intelligenza, Apollo la bellezza, etc....

Per il corpo ammalato occorre il medico, per l’anima, l’amico: la parola affettuosa sa curare il dolore. Menandro. (Nella foto: Giorgio de Chirico.) Professor Xby Professor X facebook pageTi piace leggere? Ti interessi di filosofia? Il Professore ti da il benvenuto...

Niente è tanto insopportabile per l’uomo come il rimanere in un riposo assoluto, senza passione, senza affari, senza divertimento, senza applicarsi. Allora avverte il proprio nulla, l’abbandono, l’insufficienza, la dipendenza, l’impotenza, il vuoto. Dal fondo della...

La Mente, l’Io, e il teletrasporto

A volte le storie di fantasia, attraverso alcuni dei loro elementi più bizzarri e creativi, possono renderci più chiare e (forse paradossalmente) più concrete certe questioni mondane e filosofiche astratte o difficili da approcciare. Oggi vorrei riferirmi a un celebre...

Lo sapevate che... la parola scuola deriva dal latino schola che deriva a sua volta dal greco σχολή (scholè) ozio, riposo, tempo libero. La scholè era infatti il tempo in cui ci si riposava dalle fatiche della vita quotidiana per dedicarsi allo studio. Lo studio...

L’uomo prevaricatore, dominatore, despota, che non attribuisce valore al femminile, si lascia sfuggire tra le dita la grande opportunità di instaurare con la donna un rapporto autentico. E ciò accade perché l’uomo in questione ha in realtà una grande paura di perdere...

Il fatto è che siamo sempre pronti a disprezzare quello che non capiamo; è un modo comodo per semplificare i problemi. Sigmund Freud Professor Xby Professor X facebook pageTi piace leggere? Ti interessi di filosofia? Il Professore ti da il benvenuto nella stanza...

Arte

Share This