Platone, “Fedro”

Platone, “Fedro”

« Pertanto, quando l’oratore che non conosce il bene e il male, intraprende a persuadere una Città che si trova nelle medesime sue condizioni, facendo non già l’elogio dell’ombra dell’asino come se fosse quella di un cavallo, bensì facendo...