Select Page

LA TESTIMONIANZA DI BHATTACHARYA AL CONGRESSO AMERICANO: LA CENSURA METTE IN PERICOLO LA SALUTE

LA TESTIMONIANZA DI BHATTACHARYA AL CONGRESSO AMERICANO: LA CENSURA METTE IN PERICOLO LA SALUTE

Jay Bhattacharya ha testimoniato al Congresso Americano sulla censura che ha subito e in generale sui danni provocati dalla censura della discussione pubblica sul covid

Il 27 marzo 2023, il dottor Jay Bhattacharya, uno dei tre autori originali della Great BArrington Declaration, ha testimoniato al Congresso americano. Ecco una trascrizione di tale testimonianza:

Vi ringrazio per l’opportunità di rivolgermi a questa commissione. Sono professore di politica sanitaria presso la Stanford University School of Medicine e ricercatore associato presso il National Bureau of Economic Research. Ho conseguito un dottorato di ricerca e un master presso la Stanford University. A causa delle mie opinioni sulle restrizioni del COVID-19, sono stato oggetto di censura da parte di funzionari del governo federale.

Il 4 ottobre 2020, io e due colleghi – il dottor Martin Kulldorff, professore di medicina all’Università di Harvard, e la dottoressa Sunetra Gupta, epidemiologa all’Università di Oxford – abbiamo pubblicato la “Dichiarazione di Great Barrington”.

La dichiarazione ha chiesto di porre fine ai lockdown, alle chiusure delle scuole e a simili politiche restrittive, in quanto danneggiano in modo sproporzionato i giovani e le persone economicamente svantaggiate, conferendo al contempo benefici limitati.

Sappiamo che la vulnerabilità alla morte per COVID-19 è oltre mille volte superiore nelle persone anziane e inferme rispetto ai giovani. La dichiarazione sosteneva un approccio di “protezione focalizzata” con misure forti per proteggere la popolazione ad alto rischio, consentendo al contempo agli individui a basso rischio di tornare alla vita normale con ragionevoli precauzioni. Decine di migliaia di medici e scienziati esperti di sanità pubblica hanno sottoscritto la dichiarazione.

Poiché contraddiceva la risposta preferita dal governo al COVID-19, la Dichiarazione di Great Barrington è stata immediatamente presa di mira per essere soppressa dai funzionari federali. Quattro giorni dopo la pubblicazione della dichiarazione, l’allora direttore del NIH, il dottor Francis Collins, inviò una e-mail al dottor Anthony Fauci e a Cliff Lane del NIH/NIAID in merito alla Dichiarazione di Great Barrington.

Questa mail riportava:

Ciao Tony e Cliff. Questa proposta di tre epidemiologi marginali che si sono incontrati con il Segretario sembra ricevere molta attenzione – e persino una co-firma da parte del premio Nobel Mike Leavitt di Stanford. È necessario un rapido e devastante smantellamento delle sue premesse. Non vedo ancora nulla di simile online: è in corso?

Francis.

Questa e-mail è stata prodotta più di un anno dopo in risposta alle richieste della FOIA.

È possibile ipotizzare che Collins considerasse la Dichiarazione di Great Barrington come una minaccia all’illusione che ci fosse un consenso di scienziati che concordavano con lui sulla necessità del lockdown.

Nei giorni successivi sono stato sottoposto a quello che posso solo descrivere come un attacco propagandistico. Sebbene la GBD invitasse le autorità sanitarie pubbliche a pensare in modo più creativo a come proteggere gli anziani vulnerabili dal covid, i giornalisti mi accusarono di voler far esplodere il virus. Un’altra mail ottenuta attraverso il FOIA (Freedom of Information Act) mostra che Tony Fauci ha inoltrato a Francis Collins un articolo di Wired Magazine che diceva qualcosa del genere, solo un paio di giorni dopo l’appello di Collins per uno smantellamento devastante.

Una parte fondamentale della campagna di propaganda del governo a sostegno dei lockdown e di altre strategie è stata la censura dei discorsi degli scienziati e delle persone normali sui social media. Sto partecipando a una causa intentata dai procuratori generali del Missouri e della Louisiana contro l’amministrazione Biden. Grazie a questa causa, gli avvocati hanno avuto l’opportunità di far deporre sotto giuramento i rappresentanti di molte agenzie federali coinvolte negli sforzi di censura, compresi i rappresentanti dell’amministrazione Biden e lo stesso Fauci.

Ciò che questo caso ha rivelato è che una dozzina di agenzie federali, tra cui il CDC, l’Office of the Surgeon General (Ufficio del Chirurgo Generale) e la Casa Bianca hanno esercitato pressioni sui social media come Google, Facebook e Twitter affinché censurassero e limitassero la discussione anche veritiera quando contraddiceva le priorità federali in materia di pandemia, tra cui fatti particolarmente scomodi sui vaccini, come la loro inefficacia contro la trasmissione della malattia.

Dopo la pubblicazione della Dichiarazione, siamo stati ripetutamente censurati sui social media. Immediatamente dopo la pubblicazione, Google ha alterato i risultati di ricerca, indirizzando gli utenti direttamente verso articoli critici e posizionando il link alla dichiarazione vera e propria più in basso nell’elenco dei risultati. Un importante sito di discussione online, Reddit, ha rimosso i link alla Dichiarazione dai forum di discussione sulle politiche per il Covid. Nel febbraio 2021, Facebook ha rimosso la pagina della Dichiarazione senza alcuna spiegazione, per poi ripristinarla una settimana dopo.

Il 18 marzo 2021, il dottor Scott Atlas dell’Università di Stanford, il dottor Kulldorff, la dottoressa Gupta e io abbiamo partecipato a una tavola rotonda di due ore con il governatore della Florida Ron DeSantis. Durante la discussione, i partecipanti (me compreso) hanno messo in dubbio l’efficacia e l’opportunità di imporre ai bambini di indossare le mascherine. Ho sottolineato un fatto incontrovertibile: nessuno studio randomizzato dimostra che mascherare i bambini rallenti o arresti la diffusione del covid.

Il video della tavola rotonda del 18 marzo 2021 è stato prontamente censurato dai social.  YouTube ha rimosso il video, sostenendo che “contraddice il consenso delle autorità sanitarie locali e globali sull’efficacia delle maschere per prevenire la diffusione del covid”. In realtà, ora è vero il contrario: dubitare dell’efficacia delle mascherine, soprattutto di quelle di stoffa, è (se non altro) il nuovo consenso.

Questa soppressione della discussione scientifica online viola chiaramente il primo emendamento degli Stati Uniti. Ma forse ancora più importante è il fatto che la censura della discussione scientifica ha permesso di creare un ambiente politico in cui chiare verità scientifiche sono state offuscate e, di conseguenza, politiche distruttive e inefficaci sono perdurate molto più a lungo di quanto avrebbero fatto altrimenti.

Nel maggio 2022, l’Office of the Surgeon General degli Stati Uniti ha pubblicato un appello pubblico per identificare la disinformazione sul covid. Insieme a Martin Kulldorff e al Procuratore Generale dell’Indiana, abbiamo inviato una risposta in cui abbiamo identificato nove aree specifiche in cui la fonte primaria di disinformazione era il governo stesso. Tra gli argomenti trattati c’era l’ignoranza di molti fatti: che il rischio sul covid è fortemente stratificato in base all’età; che la guarigione dal covid fornisce un’immunità sostanziale; che i vaccini non bloccano la trasmissione della malattia; che la chiusura delle scuole non era giustificata; che non c’erano alternative ai lockdown; o che le maschere bloccano la trasmissione della malattia; e molti altri argomenti.

La censura governativa ha permesso che tutte queste idee – molte delle quali non sono particolarmente controverse nella comunità scientifica – prendessero piede e, di conseguenza, molte persone hanno sofferto per l’adozione di politiche distruttive come la chiusura delle scuole e i passaporti vaccinali.

Se impariamo qualcosa dalla pandemia, è che il Primo Emendamento è più importante durante una pandemia, non meno.


Le conseguenze della censura per la salute pubblica e per la democrazia

Alla testimonianza hanno fatto seguito varie domande e risposte:

È pericoloso che il governo e le big tech censurino informazioni fattuali?

Sì, è pericoloso che il governo e le big tech censurino le informazioni scientifiche e sulla salute pubblica. Durante la pandemia, molti fatti veri sono stati soppressi dal governo e dalle aziende tecnologiche principalmente per alterare il comportamento e indurre il rispetto dei lockdown, delle raccomandazioni su mascherine e vaccini, dei requisiti per i test e le quarantene e di molte altre disposizioni di salute pubblica.

È stata consuetudine per i social media sopprimere e censurare informazioni fattuali apparse su riviste scientifiche, comprese quelle di alta qualità sottoposte a peer review quando i risultati contraddicevano o minavano il dogma del momento diffuso da alti funzionari e burocrati della sanità pubblica.

Molti di questi fatti, se i social media avessero permesso fossero condivisi da scienziati e non scienziati con il grande pubblico, avrebbero potuto salvare delle vite. Un esempio è sufficiente, ma molti altri sono possibili.

Prima della pandemia, i ricercatori avevano condotto molti studi randomizzati per valutare l’efficacia del mascheramento per prevenire la trasmissione dell’influenza. Questi studi hanno valutato una serie di variabili, tra cui il mascheramento in ambienti comunitari, negli ospedali e tutti i tipi di maschere in uso comune durante la pandemia influenzale, tra cui le maschere di stoffa, chirurgiche e N95. Nessuna ha rivelato un beneficio sostanziale nella prevenzione della malattia.

Durante la pandemia, gli scienziati hanno pubblicato solo tre studi randomizzati nella letteratura scientifica sull’efficacia delle maschere per prevenire la diffusione del covid. Nessuno ha riscontrato alcun beneficio dal mascheramento con i tessuti e solo un minimo beneficio dal mascheramento chirurgico a livello personale o di popolazione.

Molte persone che hanno ascoltato i consigli della sanità pubblica, tra cui molte persone vulnerabili, si sono esposte a rischi inutili durante i periodi di alta diffusione nella comunità che altrimenti non avrebbero corso. Pensando che le mascherine di stoffa o chirurgiche che indossavano li proteggessero, quando invece non era così, sono usciti in pubblico ritenendo che il rischio di contrarre il covid fosse basso. E alcuni sono quasi certamente morti di conseguenza.

I social media hanno censurato il fatto che l’evidenza scientifica non supportava le raccomandazioni offerte dal CDC, da Fauci e da altri alti burocrati della sanità pubblica. Se fosse stato consentito un dibattito, meno persone sarebbero state fuorviate.

Pensa che la soppressione della verità porterà gli americani a non fidarsi più del governo per le informazioni mediche?

Sì, la fiducia del pubblico nella sanità pubblica è ai minimi termini, come mai ho visto in oltre 20 anni di carriera professionale. Il problema è che le autorità sanitarie pubbliche hanno sprecato la fiducia diffondendo costantemente disinformazione su molti argomenti sostanziali. Questa disinformazione ha portato molti Stati, contee e aziende ad adottare politiche che hanno danneggiato le persone, soprattutto la classe lavoratrice.

Un chiaro esempio è il fatto scientifico che il recupero dal covid produce un’immunità sostanziale e duratura dopo un’infezione iniziale, compresa la protezione contro la reinfezione e contro la malattia grave dopo la reinfezione.

Si pensi ai lavoratori in prima linea, come i vigili del fuoco e gli infermieri, che hanno lavorato durante il periodo peggiore dei lockdown e della pandemia nel 2020, spesso esposti all’infezione da covid a tassi più elevati rispetto al resto della popolazione. Molti di questi lavoratori, compresi quelli che guariti dal covid, erano soggetti all’obbligo vaccinale. Nel 2021, anche se studi epidemiologici di alta qualità hanno dimostrato che il beneficio marginale nel ridurre il rischio di mortalità da successiva infezione da covid era piccolo per la maggior parte dei pazienti.

Molte di queste persone guarite dal covid sono state licenziate dal lavoro nel 2021 perché si sono rifiutate di assumere un vaccino che forniva loro, nella migliore delle ipotesi, un piccolo beneficio. L’obbligo del vaccino ha ignorato la loro immunità, come se il ricovero non fosse una valida fonte di immunità, nonostante le prove scientifiche che dicevano il contrario. Forse non sorprende che molte persone dicano di non fidarsi più della sanità pubblica e che non lo faranno mai più da quando le sue indicazioni discriminatorie sui vaccini hanno distrutto le loro carriere e i loro mezzi di sostentamento.

Un secondo chiaro esempio è dato dai burocrati della sanità pubblica che hanno costantemente sopravvalutato l’efficacia del vaccino nell’arrestare la trasmissione della malattia. Gli studi iniziali randomizzati non hanno preso in considerazione la protezione contro l’infezione o la trasmissione come endpoint della sperimentazione. Sebbene gli studi abbiano dimostrato un’efficacia di circa il 95% nei confronti della malattia sintomatica, il tempo mediano di follow-up è stato di soli due mesi dopo la vaccinazione, un tempo insufficiente per osservare se il vaccino diminuisse in termini di efficacia nei confronti dell’infezione o se i vaccini potessero resistere a nuove varianti.

Nonostante questa incertezza, molti burocrati della sanità pubblica hanno detto categoricamente al pubblico che i vaccini contro il covid avrebbero impedito di infettarsi e di trasmettere la malattia ad altri. Nel corso del 2021, accurati dati epidemiologici provenienti da tutto il mondo hanno dimostrato in modo inequivocabile che la protezione vaccinale contro l’infezione da covid diminuisce rapidamente dopo la vaccinazione completa. Le persone hanno osservato con i loro occhi che la vaccinazione non previene l’infezione, poiché molte persone vaccinate si sono infettate.

L’affermazione di una eccessiva efficacia del vaccino contro il covid ha portato molte persone a non fidarsi della comunicazione della sanità pubblica sui vaccini, essenziali per l’infanzia e delle affermazioni, scientificamente giustificate, dei funzionari della sanità pubblica sull’efficacia dei vaccini nel proteggere dalla malattia grave e dalla morte per infezione.

Il fatto che la sfiducia nella sanità pubblica si sia estesa ad altri aspetti della politica vaccinale è particolarmente spiacevole. I vaccini per l’infanzia, come quelli contro il morbillo e la poliomielite, sono essenziali per la salute e il benessere dei bambini negli Stati Uniti. Questa sfiducia porterà molti genitori a rinunciare a questi vaccini essenziali per i loro figli, mettendoli potenzialmente a rischio di queste malattie prevenibili. È una tragedia che la sanità pubblica non abbia intrapreso iniziative per ripristinare la fiducia del popolo americano, scusandosi per averlo ingannato riguardo a fatti scientifici fondamentali sul vaccino contro il covirus.

Credete che le big tech abbiano gestito male le informazioni su AstraZeneca?

Durante la pandemia, la sanità pubblica e i social media hanno soppresso le discussioni di base sui vari vaccini contro il covid disponibili negli Stati Uniti. In particolare, hanno impedito qualsiasi confronto razionale tra i potenziali benefici e i danni della vaccinazione contro il covid sulle loro piattaforme.

Un esempio è la soppressione del mio collega Martin Kulldorff, professore della facoltà di medicina dell’Università di Harvard ed esperto di fama mondiale nello studio della sicurezza dei vaccini. Egli ha postato un commento su Twitter in cui affermava che è irrazionale dire che tutti dovrebbero prendere il vaccino contro il covid, così come lo è dire che nessuno dovrebbe farlo.

Si riferiva correttamente al fatto che il beneficio netto del vaccino, pur essendo elevato per gli adulti anziani vulnerabili, in particolare per quelli che non hanno mai avuto il covid prima, è basso per i giovani. Per i giovani, il rischio di morire a causa del covid è mille volte inferiore a quello degli anziani. Pertanto, il vaccino, che riduce la malattia grave e il rischio di malattia grave e di morte in caso di infezione, ha solo un beneficio minimo per i giovani sani, poiché il loro rischio di questi esiti negativi è già basso.

Allo stesso tempo, l’assunzione del vaccino presenta rischi incerti. Sebbene all’inizio del 2021 non si conoscesse l’intera serie di effetti collaterali (e non si conosce tuttora), col tempo è diventato più evidente che i vaccini causavano alcuni effetti collaterali gravi. Per esempio, nell’aprile 2021 il CDC ha messo brevemente in pausa il vaccino Johnson & Johnson quando le analisi statistiche interne hanno rilevato un segnale di rischio elevato di ictus nelle donne di mezza età. Il comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) del CDC, nel giugno 2021, ha stabilito che la vaccinazione con covid era associata a miocardite, soprattutto nei giovani uomini. Un’attenta rianalisi degli studi randomizzati sui vaccini di Pfizer e Moderna ha rilevato tra 10,1 e 15,1 eventi avversi gravi ogni 10.000 individui vaccinati.

Quindi, con benefici limitati e alcuni danni identificati, il calcolo decisionale pendeva contro il vaccino per la maggior parte dei giovani (specialmente quelli che erano già guariti dal covid), a meno che particolari circostanze di salute non rendessero più probabile una reazione grave all’infezione. La raccomandazione della sanità pubblica avrebbe dovuto essere quella di chiedere il parere di un medico per aiutare i giovani a decidere se valeva la pena vaccinarsi contro il covid, piuttosto che imporre obblighi e forzature.

Naturalmente, il calcolo decisionale è molto diverso per le persone anziane, soprattutto quelle con più di 70 anni o con condizioni croniche multiple come il diabete, che aumentano il rischio di mortalità da infezione. Un elevato rischio di mortalità da infezione significa che, riducendo sostanzialmente tale rischio, il vaccino potrebbe portare benefici sostanziali alle persone anziane. Naturalmente, l’assunzione di un vaccino comporta ancora dei rischi, non tutti noti nel 2021. Tuttavia, il bilancio dei benefici e dei rischi pende a favore della raccomandazione del vaccino per gli anziani nel 2021.

Le grandi piattaforme tecnologiche hanno regolarmente bloccato le discussioni di persone qualificate che pubblicavano link a prove affidabili sull’efficacia e sui danni del vaccino nella letteratura medica pubblicata e sottoposta a peer review. Sopprimendo questo tipo di analisi sfumata dei benefici e dei danni, le big tech hanno gestito male le informazioni sui vaccini. Hanno impedito alle persone di accedere alle informazioni e al dibattito scientifico che avrebbero potuto aiutarle a prendere decisioni migliori su molte cose durante la pandemia. Per lo meno, le persone avrebbero capito con maggiore precisione quali dichiarazioni dei funzionari della sanità pubblica riflettevano un consenso scientifico e quali erano ancora soggette a un legittimo dibattito. Le big tech hanno amplificato la narrazione proposta dai funzionari della salute pubblica, anche quando questa era fondata su una scienza traballante.

Che tipo di impatto pensate abbia avuto il blocco di queste informazioni?

Un impatto significativo del blocco della presentazione di fatti scientifici veritieri da parte dei social media è che ha privato gli americani di fatti vitali che avrebbero potuto utilizzare per proteggere se stessi e gli altri dal rischio covid. Per esempio, se i cittadini avessero capito quanto fosse debole il fondamento scientifico delle raccomandazioni del CDC in materia di maschere, molti non si sarebbero affidati alle maschere di stoffa per proteggersi dal virus in pubblico e non si sarebbero infettati. Attraverso questi meccanismi indiretti, la censura può aver contribuito alla perdita di vite umane durante la pandemia.

Inoltre, la soppressione delle discussioni scientifiche sui social ha impedito agli americani di distinguere i veri fatti scientifici sul virus dalle risposte politiche al virus. Questa mancanza di comprensione ha contribuito a spingere molti a sostenere in modo errato politiche distruttive come i lockdown e gli obblighi vaccinali che altrimenti sarebbero state meritatamente impopolari.

I burocrati della sanità pubblica hanno ingannato il popolo americano sulla necessità di politiche di isolamento, chiusura delle scuole, obbligo di vaccino, obbligo di mascherina e molte altre politiche inefficaci. Se le Big Tech e il governo avessero permesso la libertà di parola su questi temi nei social media, per i politici sarebbe stato più difficile imporre queste politiche. Un maggior numero di persone sarebbe stato dotato delle conoscenze necessarie per opporsi efficacemente attraverso il processo politico, e molte di queste politiche non sarebbero mai state adottate.

Forse il miglior esempio di una politica scientificamente fondata, soppressa dalle aziende di social media, è la Great Barrington Declaration. La proposta, scritta da me, dal professor Martin Kulldorff dell’Università di Harvard e dalla professoressa Sunetra Gupta dell’Università di Oxford nell’ottobre 2020, raccomandava un approccio alla pandemia basato sulla “protezione mirata”. Il documento includeva molte idee su come raggiungere questo obiettivo e invitava la comunità scientifica e chi si occupa di salute pubblica a partecipare allo sviluppo di strategie creative per ridurre il rischio di infezione da parte delle persone più vulnerabili durante i periodi di maggiore diffusione della malattia. Il documento chiedeva inoltre di abolire i lockdown e le altre restrizioni alla vita dei giovani, che rischiavano di subire grossi danni collaterali da queste politiche e correvano un rischio molto minore rispetto agli anziani in caso di infezione.

Dopo la pubblicazione della Dichiarazione, i social media e le Big Tech ci hanno ripetutamente censurato. Immediatamente dopo la pubblicazione, Google ha deboostato i risultati della ricerca, indirizzando gli utenti verso articoli che la criticavano e posizionando il link alla dichiarazione vera e propria più in basso nell’elenco dei risultati. Un importante sito di discussione online, Reddit, ha rimosso i link alla Dichiarazione dai forum di discussione sulle politiche Covid. Nel febbraio 2021, Facebook ha rimosso la pagina della Dichiarazione senza alcuna spiegazione, per poi ripristinarla una settimana dopo.

La soppressione della Dichiarazione di Great Barrington da parte delle big tech e dei burocrati sanitari ha avuto successo. Molti Stati hanno imposto chiusure, a scuole, chiese e aziende, alla fine dell’autunno 2020 e nel 2021. Se le idee della dichiarazione non fossero state censurate, idee che sono state utilizzate con successo nel corso dell’ultimo secolo nella gestione di molte altre pandemie di malattie infettive respiratorie, il risultato sarebbe stato una migliore protezione contro l’infezione per le persone vulnerabili e una diminuzione dei danni derivanti dalle chiusure per i giovani. Come minimo, i bambini sarebbero andati a scuola nel 2020. Il Paese sarebbe stato migliore se queste politiche, che rigorose meta analisi hanno dimostrato essere state poco efficaci nell’arrestare la diffusione della malattia, ma che hanno causato enormi danni collaterali, non fossero mai state attuate.

La Sezione 230 ha creato un ambiente in cui le Big Tech si sentono in grado di censurare chiunque o qualunque cosa vogliano senza tener conto del principio della libertà di parola?

Un risultato evidente di questi sforzi di censura è la violazione del diritto alla libertà di parola degli americani. Sono parte di una causa chiamata Missouri v. Biden in cui gli uffici dei procuratori generali del Missouri e della Louisiana hanno citato il governo federale per aver violato i diritti del Primo Emendamento dei cittadini americani.

Durante la fase istruttoria del caso, gli avvocati hanno scoperto un ampio sforzo da parte di una dozzina di agenzie federali per censurare gli americani su argomenti legati al covid attraverso pressioni esercitate sulle Big Tech e sui social media. L’indagine su quel caso ha compreso le deposizioni di molti funzionari federali, tra cui il dottor Anthony Fauci e il personale della Casa Bianca addetto alla comunicazione.

La scoperta ha portato alla luce mail che mostrano l’accesso diretto dei funzionari governativi al personale delle società dei social media, e come abbiano costretto queste società (tra cui Twitter, Facebook e altre) a censurare fatti scientifici veri sulla sul covid, come il fatto che l’immunità dopo la guarigione è sostanziale e importante. Le richieste spesso includono la censura diretta del discorso di particolari individui online e sono sostenute da minacce di azioni normative contro queste aziende se non si conformano alle richieste.

Le grandi aziende tecnologiche, per volere del governo, si sono sentite assolutamente libere di censurare tutti e tutto quello che volevano, perché sapevano di non essere soggette ad alcun rischio legale o di altro tipo per aver violato la libertà di parola degli americani.

Come si prospetta il futuro senza la riforma della Sezione 230?

Se non ci sarà una riforma della Sezione 230 e le Big Tech continueranno a poter censurare (spesso per volere del governo federale) quanto vogliono, il futuro sarà un futuro in cui gran parte delle discussioni libere che dovrebbero svolgersi nella piazza pubblica non avranno luogo o avranno luogo solo in quegli ambienti privati che il governo permetterà al popolo americano.

La conseguenza sarà un’ulteriore spaccatura della società americana, con una maggiore sfiducia nella sanità pubblica e nel governo. Anziché parlare tra di loro in spazi pubblici, incontrando persone e idee sconosciute (comprese le vere idee scientifiche), gruppi diversi si aggrapperanno saldamente a idee distruttive, convinti che i loro concittadini siano incapaci di un’analisi razionale.

Nel corso della nostra storia, gli americani hanno dibattuto con vigore su un’enorme gamma di argomenti e, grazie alle garanzie di libertà di parola, hanno trovato il modo di riunirsi per discutere questioni vitali, essenziali per il benessere del popolo americano. Nessun gruppo ha il monopolio della verità. La censura priva la piazza delle idee fornite dal gruppo censurato. Al contrario, avremo una popolazione divisa e un’istituzione sanitaria pubblica screditata che non sarà in grado di capire perché vasti settori della popolazione americana non sono disposti a prestare attenzione alle indicazioni che fornisce o a fidarsi di essa.

QUI UNA STORIA PIù AMPIA DELLA GREAT BARRINGTON DECLARATION E DELLA SUA CENSURA, TRA QUANTO EMERSO DAI TWITTER FILES E DALLE CAUSE IN CORSO

About The Author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Share This

Share This

Share this post with your friends!