Non perdetevi l’ultimo numero di “Due chiacchiere con…”, Aurelio Mustacciuoli discute con Alessandro Fusillo facendo il punto sullo stato della pandemia e sugli strumenti giuridici che il movimento Libertario ha sviluppato per esprimere la propria opposizione civile a un governo illiberale e incapace.
Un governo che ha aggredito le libertà individuali come nessun altro governo dal dopoguerra e al contempo ha mal gestito e sta mal gestendo la minaccia pandemica, distruggendo l’economia, la tenuta sociale e fiaccando lo spirito nazionale.
Ne escono particolarmente penalizzati i giovani, cui peraltro vengono continuamente e poco generosamente attribuite responsabilità nella diffusione della pandemia.
Come possono difendersi i giovani e i cittadini? Il governo ha letteralmente messo un bavaglio alla possibilità di protesta civile nelle piazze, e oggi questa può avvenire solo attraverso strumenti giudiziari.
Il Movimento Libertario insieme ad altri professionisti hanno sviluppato questi strumenti e li hanno messi a disposizione di chiunque.
Il movimento Forza Guardiana, e in particolare la sua componente giovanile guidata da Alessandro Sforza, si è fatto promotore di questa forma di protesta civile e si sta attivando perché venga fatta propria da tutti i movimenti giovanili liberali.
Usare questi strumenti non costa nulla e non si rischia nulla, ma è un modo potente di fare sentire la nostra voce e difendere la libertà.
Pietro Agriesti

Coordinatore sezione Attualità

Share This

Share This

Share this post with your friends!

%d bloggers like this: