Ormai è chiaro che i Dem, stiano cercando disperatamente una via d’uscita.
La verità è che la via d’uscita non esiste e il pericolo è dato dal fatto che, quando un animale è in trappola, si dimena furiosamente e senza senno.
Per il Dpt. di Giustizia USA, il problema e come comportarsi nel caso in cui i Democratici non capiscono che è meglio una disonorevole ritirata, al fine di limitare le perdite, piuttosto che andare al massacro in un inevitabile scontro frontale?
Il fatto che Biden si nasconda “in cantina” da più di quattro giorni, dimostra la sua inconsistenza e soprattutto conferma il fatto che i veri burattinai sono altri.
La partita per Biden, è evidentemente chiusa, scacco matto!
In ballo ci sino le sorti di una intera nazione e gli assetti geopolitici mondiali per lunghi anni a venire.
Al momento, Biden non ha la forza e tantomeno la dignità di concedere l’onore delle armi, ammettendo quelle che sono le proprie responsabilità in una faccenda che lo vede coinvolto in uno scandalo senza precedenti.
La posta in gioco è enorme, talmente enorme che Obama (The bug guy) potrebbe, come diciamo da tempo, essere persino processato per alto tradimento, se le carte emerse saranno portate all’attenzione della Corte Suprema degli Stati Uniti.
Se nei quattro anni passati, Trump non ha affondato il colpo, è stato solo per il profondo rispetto che nutre verso l’America e la figura istituzionale presidenziale.
Trump non voleva, non avrebbe voluto e non vorrebbe passare alla storia come il presidente che fece condannare un ex presidente, ma è chiaro che ora, il Presidente Trump, si aspetta un significativo passo indietro da parte dei Democratici.
Ora, la palla passa a loro e ai loro stati generali, i quali dovranno, giocoforza, mostrarsi ragionevoli, annunciando il ritiro di Biden dalla corsa alla Casa Bianca per cagionevoli e non meglio precisati motivi di salute.
Qualora si rifiutassero di farlo, su consiglio della frange più estremiste all’interno del loro stesso partito, assisteremmo ad una delle pagine peggiori che si siano mai viste nella storia della democrazia Usa.
Attendiamo sviluppi.

The Black Swan

by Alessandro Prignacchi

Imprenditore, appassionato di economia austriaca.

Alessandro Prignacchi

Share This

Share This

Share this post with your friends!

%d bloggers like this: