È imbarazzante. Tutti i media perculano Trump.
I nostri senza vergogna alcuna, ma siamo abituati alla indegna qualità della nostra stampa e alla faziosità dei sinistri, oggi in frenesia autoerotica.
I loro, senza curarsi di essere ormai parte politica in causa che agisce con il supporto dei social.
Quest’ultimi con l’alibi del fact check sono ormai il giocatore oscuro.
La loro possibilità di censurare dovrebbe essere smantellata alla luce della libertà di espressione costituzionale.
L’alternativa è un pericolosissimo attore politico, oggi contro Trump domani alleato con un qualsivoglia soggetto politico sulla base di un rapporto di scambio che potezialmente altera la competizione di mercato.
Alla faccia della democrazia e dell’antitrust.

Enemy of the State

by Aurelio Mustacciuoli & friends

Questa rubrica raccoglie voci critiche all’espansione statale e alla progressiva sempre maggiore invadenza nelle nostre vite con conseguente restrizioni dei diritti diritti e delle libertà. La rubrica si ispira alla figura del filosofo Murray Newton Rothbard, the “Enemy of the State” per eccellenza.

Autori Vari

Share This

Share This

Share this post with your friends!

%d bloggers like this: