Nella lista dei sottosegretari troviamo democristiani e comunisti, atei e cattolici, atlantisti e terzomondisti, marxisti e liberisti, federalisti e centralisti, rispettando un unico criterio: la lottizzazione. Giusto per accontentare tutti i partiti (tranne Fratelli d’Italia che è all’opposizione). Lo so che adesso state vedendo il mio sopracciglio alzato e state per dirmi “eh ma tanto comanda Draghi”. No. Il premier italiano non è un presidente americano, neppure un presidente francese. E’ un primus inter pares, nessun premier è mai riuscito a comandare, nemmeno Berlusconi quando era all’apice del successo. E non funziona nemmeno la logica “devono fare come dice lui, altrimenti l’Ue…” altrimenti l’Ue niente. Non è riuscito a comandare neppure Monti, in un periodo in cui avevamo l’acqua alla gola e si parlava di commissariamento, figurati adesso in periodo di vacche grasse da spartire (leggasi: Recovery Fund).

L’Oggettivista Devoto

by Stefano Magni

Marxismo

Io non amo parlare di politically correct. Il politically correct è un mezzo, non un fine. Sei...

read more

1994

Se mai sarà possibile scrivere in futuro una storia d'Italia, libera dal condizionamento delle...

read more

Giornalista, saggista. Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Pavia.

Una volta che si è tolta la verità all’uomo, è pura illusione pretender di renderlo libero. Verità e libertà, infatti o si congiungono insieme o insieme miseramente periscono. (San Giovanni Paolo II)

Stefano Magni

Share This

Share This

Share this post with your friends!