Io non amo parlare di politically correct. Il politically correct è un mezzo, non un fine. Sei corretto o scorretto rispetto a un fine. Non dirò mai che siamo dominati dal politically correct, perché non si capirebbe mai a cosa dovremmo conformarci per essere considerati “correct”. Diciamo piuttosto le cose come stanno: la cultura, a partire dal linguaggio stesso, è dominata dal MARXISMO. Chiaro il concetto? Marxismo. Quindi è “scorretto” chi alimenta pregiudizi di genere o razziali, ma è corretto promuovere attivamente l’odio di classe. Contro i nemici di destra nessuna pietà e non si fanno prigionieri, ma a sinistra nessun nemico. L’ambiente va bene finché ti da il pretesto di distruggere il capitalismo e la proprietà privata (a partire dalle carbon tax), ma se i comunisti cinesi inquinano fanno bene al progresso. È il marxismo il problema, con tutti i suoi derivati filosofici del tardo Novecento.

L’Oggettivista Devoto

by Stefano Magni

1994

Se mai sarà possibile scrivere in futuro una storia d'Italia, libera dal condizionamento delle...

read more

Giornalista, saggista. Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Pavia.

Una volta che si è tolta la verità all’uomo, è pura illusione pretender di renderlo libero. Verità e libertà, infatti o si congiungono insieme o insieme miseramente periscono. (San Giovanni Paolo II)

Stefano Magni

Share This

Share This

Share this post with your friends!

%d bloggers like this: