Su Disney+ saranno rimossi Dumbo e altri film per i bimbi sotto i 7 anni (“contenuti discriminatori”). Il messaggio principale di Dumbo lo conosciamo tutti: spaccarsi ammerda è una figata. Eppure se un bambino vede per la prima volta Dumbo dubito che abbia l’impulso di ubriacarsi sperando di vedere gli elefanti rosa, figuriamoci se alla fine del ritornello “giammai gli elefanti volar” pensa: “minchia zio, ma quanto sono inferiori i ne*ri?”.
Sennò, quanti necrofili a causa di Biancaneve? (no, se vedi una ragazza distesa immobile in un bosco, pallida, con dei fiori in mano, su un altare di pietra, non dovresti pensare “evvai oggi si sborra”).
Il razzismo un tempo era endemico, ed è straniante sentire oggi la parola “ne*ro” in un film di Natale. E se hai questa reazione guardando quei film è buono. Ma se non li puoi vedere?
Essere razzista è un mix di disturbo mentale, influenza familiare, ma in buona parte una scelta, arrivi a un’età in cui dici “ok, io però la penso così”. Se pensi che un film visto da un bambino sia così potente da trasformarlo da adulto in un tesserato di forza nuova, allora stai giustificando il fascismo. Avete mai parlato con un tossico? Tutti dicono la stessa cosa: tornando indietro non cambierei nulla, sono una vittima. E invece no.
Il razzismo è uguale, quanto è bello sentirsi superiori? Per alcuni odiare i ne*ri è una cazzo di droga, ti fa volare come un elefantino. Ma è (anche) una scelta tua, e la scelta implica la colpa. Se non è una scelta, allora un ministro non può essere perseguito se propone di sbudellare tutti i napoletani, perchè poveraccio si è sparato la quarta stagione di Gomorra ma era tagliata male, maledetta società.
L’unica cosa tagliata male saranno le opere del passato sotto la scure di questa “cancel culture”, che è la cosa più infantile dopo io che cancello i voti alle medie. Ci sono cose che non si possono e non si devono cancellare, proprio per rendersi conto dei progressi fatti dalla società, oggi col registro elettronico dovrei fare bocchini al prof di storia, non lo farei, mia madre mi picchierebbe, poi per il senso di colpa mi comprerebbe la ps5 o mi lascerebbe vedere Dumbo da solo: questo è Progresso.

Scaffale In Basso A Destra

by Edoardo Parovel

Uno sguardo ironico e libertario sulla politica e la società.

Edoardo Parovel

Studente; Admin della pagina Facebook P.A.C. - Proprietari Armati per il Capitalismo (Instagram: proprietari.armati)

Share This

Share This

Share this post with your friends!