In discussione non sono i principi su cui si fonda il pensiero libertario (per me riconosciuto nella linea giusnaturalista di Rothbard), ma la traduzione politica ed elettorale del libertarismo. Ciò che va definita è, quindi, la migliore strategia che possa unire i principi più radicali con il realistico compimento del “bene possibile”.
Il punto è che chi propugna un rigorismo operativo, rifiutando la cooperazione con le posizioni intermedie, finisce con l’avvantaggiare (magari indirettamente e sicuramente involontariamente) il distruttivismo di Sinistra (socialista, welfarista, progressista). Da qui il disagio a partecipare alle iniziative di persone di cui si condividono certamente i principi, ma alle quali si obietta una politica nociva perché irrealistica e, perciò, suicida. E da qui la decisione di allontanarmi dal Movimento Libertario Italiano e di farlo in modo pubblico per sottolineare l’esistenza di una differente operatività politica che, senza rinunciare in nulla ai principi, sappia sempre mantenersi realista, gradualista, anti-perfettista e fusionista.
Sono questi i criteri da me suggeriti nel libretto “Per un libertarismo vincente” che intesi scrivere per mantenere fede ad una promessa e, così, offrire il mio contributo nella ricerca della modalità con cui dare maggiore peso politico alle idee libertarie.
Da un lato, ritengo di non poter professare pensieri diversi da quanto indicato in quelle pagine; dall’altro lato, capisco che i criteri lì esposti siano divergenti dagli orientamenti prevalenti tra i libertari italiani. Se, però, la linea che sembra maggioritaria ha, di fatto, sconfessato le tesi contenute in “Per un libertarismo vincente” non per questo, realismo, gradualismo e fusionismo non possono manifestarsi come la strada idonea, tanto teoricamente quanto operativamente.
Perciò penso sia opportuno rendere nota questa dissociazione in forza del dovere sia a segnalare gli errori che si stanno commettendo sia i rischi a questi errori connessi. La mia separazione non solo si rende utile per dimostrare che non tutti i libertari sono contro il voto o contro le soluzioni medie o contro le alleanze politiche possibili, ma si rende necessaria anche per provare, attraverso forme di collegamenti elettorali, a dare peso e spazio alle richieste libertarie dentro gli scenari politici attuali.
Questo esperimento è avviato con la costituzione di una pagina Facebook che, non a caso, prende per titolo “Libertarismo vincente” e per sottotitolo “Libertari al voto”. Il proposito è di discutere intorno alle scelte elettorali (ad iniziare dall’imprescindibile sostegno a Trump) e cercare convergenze operative tra libertari, conservatori, liberali e tradizionalisti per dare, grazie alle forme di unità che potranno realizzarsi, forza e peso alle ragioni della Verità sull’uomo iscritta nella promozione della libertà individuale.

don Beniamino Di Martino

Editoriali

by Autori Vari

Gli editorialisti di Lib+ sono persone libere e indipendenti che contribuiscono volontariamente con articoli e saggi.

Autori Vari

Share This

Share This

Share this post with your friends!

%d bloggers like this: