La teiera celeste

by Autori Vari

La Mente, l’Io, e il teletrasporto

La Mente, l’Io, e il teletrasporto

A volte le storie di fantasia, attraverso alcuni dei loro elementi più bizzarri e creativi, possono renderci più chiare e (forse paradossalmente) più concrete certe questioni mondane e filosofiche astratte o difficili da approcciare. Oggi vorrei riferirmi a un celebre trope narrativo della fantascienza per illustrare un gruppo di problemi...

read more
Mary la neuroscienziata: la fisica e le rose rosse

Mary la neuroscienziata: la fisica e le rose rosse

Da ormai diversi mesi, per ovvie ragioni, è molto discussa la tematica della relazione tra il mondo scientifico degli accademici e la società dei cittadini; il nodo di questa diatriba concerne essenzialmente la comunicazione (e più in generale la comunicabilità) di nozioni, conoscenze e credenze scientifiche a un ampio bacino di interlocutori...

read more
Non c’è libertà senza necessità. Non c’è bellezza senza il pensiero della bellezza.

Non c’è libertà senza necessità. Non c’è bellezza senza il pensiero della bellezza.

di Christophe Clavé. L'effetto Flynn – che prende il nome dallo scienziato che ha studiato questo fenomeno – afferma che il Quoziente d’Intelligenza (QI) medio della popolazione mondiale è in continuo aumento. Questo almeno dal secondo dopoguerra fino alla fine degli anni ’90. Da allora il QI è invece in diminuzione. È l’inversione dell’Effetto...

read more
Il problema del carrello ferroviario (e una variante)

Il problema del carrello ferroviario (e una variante)

In uno dei precedenti articoli ho accennato al cosiddetto ‘problema del carrello ferroviario’ (o più semplicemente problema del carrello), un dilemma immaginario elaborato, tra le altre cose, allo scopo di osservare il comportamento di diverse teorie etiche e approcci metaetici in riferimento a una stessa circostanza ideale descritta in termini...

read more
Fatti e valori: il relativismo insidioso

Fatti e valori: il relativismo insidioso

Nel precedente articolo, in cui ho fornito una breve introduzione sul metodo linguistico e sul suo possibile utilizzo nei contesti dell’etica e della riflessione morale, ho accennato alla tematica della distinzione tra nozioni fattuali e valutative, la cosiddetta dicotomia fatti/valori. Nel corso del ventesimo secolo, questo argomento è stato...

read more
Epistemologia morale. Le basi del metodo linguistico

Epistemologia morale. Le basi del metodo linguistico

In accordo con la tematica generale di questa rubrica oggi propongo, in questa breve sintesi, una strategia riflessiva per le problematiche morali; vorrei in particolare apprezzare come impiegando gli strumenti della filosofia del linguaggio, costruendo cioè un resoconto linguistico dei concetti etici, sia possibile un approccio più lucido e...

read more
Panic monster

Panic monster

Le espansioni economiche basate sul debito e non sul risparmio modificano la struttura produttiva appiattendola e spostandola su attività prossime al consumo.  Esse, in qualche modo hanno anche un effetto di tipo sociologico, aumentando il desiderio di gratificazione immediata. Nel nostro paese questo sta avvenendo da tempo. Lo si vede nei...

read more
Ragionare chiaro

Ragionare chiaro

Nel nostro paese la scarsa dimestichezza con le materie scientifiche ha una importante gravissima conseguenza: l'incapacità di ragionare chiaro, di usare gli strumenti della logica. I nostri concittadini stano paurosamente regredendo in questa capacità, al punto da confondere logica con ideologia, scienza con falsa scienza.Il risultato?...

read more
Sapete gestire il rischio?

Sapete gestire il rischio?

Recentemente ho pubblicato un post con questa domanda: "Siete invitati al quiz dei pacchi. Vi vengono proposti tre pacchi chiusi, due sono vuoti e uno contiene 300.000 Euro. Voi ne scegliete uno senza aprirlo. Quindi un pacco vuoto dei due rimanenti viene aperto e vi si da un’ultima opportunità: cambiare il pacco con l’altro chiuso o tenere il...

read more

La teiera di Russell, chiamata anche teiera celeste, è una metafora ideata dal filosofo Bertrand Russell per confutare l’idea che spetti allo scettico, anziché a chi le propone, l’onere della prova in merito ad affermazioni non falsificabili, in particolare in ambito religioso.

Autori Vari

Share This